Logo

Operetta per i concerti aperitivo del Regio di Torino

5 dicembre 2010, ore 11
Teatro Regio, Piccolo Regio Puccini
piazza Castello
TORINO    

Viva l’operetta!
 
Domenica 5 dicembre si canta al Piccolo Regio Puccini con il gruppo da camera del Teatro Regio Viva l’operetta!, la formazione che riunisce il soprano Eugenia De Gregori, il mezzosoprano Angelica Buzzolan, il tenore Giancarlo Fabbri, il basso Davide Motta Fré, accompagnati al pianoforte da Giulio Laguzzi e con la partecipazione speciale di Marina Bertolo al violino; in programma brani di Franz Lehár, Robert Katscher, Robert Stolz, Paul Abraham, Johann Strauss figlio, Emmerich Kálmán, Carlo Lombardo e Virgilio Ranzato.

Il calendario

Le arie più belle, i duetti, i quartetti armonizzati - tratti dalle più famose operette – costituiscono la colonna sonora di una storia originale scritta da Giancarlo Fabbri e Gianni Versino che segue i canoni stilistici della classica operetta: battute comiche, doppi sensi e inevitabili equivoci. Alla narrazione si aggiunge anche una pièce comica di Erminio Macario, naturalmente riscritta e adattata per l’occasione.
Nata a Parigi a metà Ottocento, l’operetta – intesa come genere teatrale con inserti musicali cantati – è indissolubilmente legata al nome di Jacques Offenbach; nel giro di pochi anni conquista anche Vienna dove Johann Strauss figlio scrive Il pipistrello (1874), vera e propria sintesi degli elementi distintivi del genere: il melodismo malinconico, il carattere ballabile di molti brani, il fascino per il balletto esotico. Erede di Strauss è Franz Lehár autore di un considerevole numero di titoli tra i quali spicca per la notorietà raggiunta La vedova allegra. Molti gli ammiratori ed emuli di Lehár, un esempio fra tutti è il Duetto delle rondini di Emmerich Kálmán. Negli anni Venti l’operetta inizia a subire le influenze dei nuovi generi della musica leggera: accanto al valzer fanno la loro comparsa la canzone da cabaret, il fox-trot e il jazz come nelle composizioni di Robert Stolz, Paul Abraham e Robert Katscher che compone anche per il cinema. In Italia tra Otto e Novecento il genere è legato a Carlo Lombardo, amico e collega di Mascagni, e al musicista Virgilio Ranzato, autori di due fra le più celebri operette italiane: Il paese dei campanelli e Cin-Ci-Là.

I Concerti Aperitivo sono realizzati quest’anno grazie a Saiagricola – Società del Gruppo Fondiaria Sai, che al termine dei concerti offre l’aperitivo al pubblico nel Foyer del Toro ed a Nespresso, nuovo Partner Sostenitore del Teatro Regio, che offre il caffè nel coffee point allestito appositamente nel Foyer del Teatro.

I biglietti sono esauriti in prevendita. Disponibili solo 30 ingressi un’ora prima del concerto.
Informazioni: tel. 011.8815.557
© 2003-2015 P.IVA 01058350073