A+ A A-

Daniela Péaquin: Via dei cuori, 27

  • Scritto da Il Trillo
La copertina del libro di Daniela Peaquin"Via dei cuori, 27" è il secondo libro di Daniela Péaquin, racconto del viaggio interiore di una madre che ha perso il suo unico figlio in giovane età. Un lutto di queste proporzioni e profondità può portare alla disperazione e all’annientamento. Ci si può lasciare andare, arrabbiarsi, crogiolarsi, oppure rialzarsi e provare a conquistare qualche attimo di felicità. Non importa con quale motivazione si cerchi il coraggio di continuare, ciò che importa è dare un significato e una prospettiva al dolore che l’autrice declina come forza, e rintraccia dentro di sé le energie per recuperare se stessa e la sua esistenza.  Il dolore è fortemente soggettivo, ci sono però, almeno inizialmente, due grandi modalità per affrontarlo e che dipendono dalla capacità di capire di ognuno: vi è il dolore intelligente nel senso che la persona ha una relazione culturale con esso e ne afferra ogni sfumatura riverberata dalle sue conoscenze, e vi è un dolore non meno significativo e incomprensibile, quello di coloro che non avendo i mezzi per conoscerlo e descriverlo nella sua ampiezza, riescono  "solo " a sentirlo ma non a comunicarlo, infatti quando ci si trova di fronte a questo stato di malessere viscerale a volte si sente dire:  "Sono senza parole ". Il volume segue la prima strada, l’autrice ha le parole, la cultura, l’intelligenza e il coraggio per cogliere e descrivere tutte le tonalità di quanto le è accaduto, e vuole trasmettere al lettore la sua personale interpretazione, narrando il mondo del dopo. Non si tratta della "elaborazione del lutto" ma di uno stadio successivo nel quale credere fer-
mamente che coloro che ci hanno lasciato non sono mai lontano da noi, e possiamo scorgere tracce della loro presenza in ogni momento della nostra giornata. 

Daniela Péaquin: Via dei cuori, 27
2017, Le Château Edizioni (Aosta)
128 pagine, 10 euro

Presentazione:
23 giugno 2017, ore 20
Sala del Centre d’Études AbbéTrèves, Frazione Erésaz
EMARÈSE (AO)

@il_trillo

per scrivere a iltrillodeldiavolo.it invia una mail a info@iltrillodeldiavolo.it o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".