A+ A A-

Babel ad Aosta: la tentazione, da Dario Argento ad Enrico Ruggeri

  • Scritto da Il Trillo

Si svolge a dal 19 aprile al 5 maggio, in piazza Chanoux, ad Aosta, l'allestimento della quarta edizione di "Babel - il festival della parola in Valle d'Aosta", dedicato al tema della tentazione, dopo aver affrontato, al debutto, nel 2010, l'esilio, nel 2011, il coraggio e nel 2012 la libertà.

«Non poteva che essere questo il tema della quarta edizione di "Babel" - spiega il riconfermato direttore artistico, Arnaldo Colasanti, scrittore e conduttore televisivo - la tentazione è un valore complesso e spesso equivoco. Ma anche in questo è la sua forza, la tentazione vera non è quella che cade nei difetti o nei vizi, quella sarebbe la tentazione della mediocrità. La tentazione grande, invece, quella che tocca le radici della mente e dell'anima è la forza che guarda al cambiamento, al capovolgimento del punto di vista, al coraggio. Di questo parlerà "Babel", alla sua maniera, ovviamente. Intellettuali, scrittori, musicisti, artisti e soprattutto il classico pubblico valdostano e non, che, in questi anni, ci ha seguiti con partecipazione, passione ed intelligenza, metteranno in gioco il desiderio di riappropriarsi della cultura e dei libri come un momento di profonda cittadinanza. La nostra tentazione sarà, appunto, questa: facile e sublime, come è sempre l'arte, tentare di trascorrere insieme delle giornate in cui pensare e riflettere siano le grandi forme della dignità sociale. Credere, e insistere nel tentarlo, che "Babel" in Valle d'Aosta possa essere il centro di una nuova capitale, in cui la cultura è comunicazione, accessibilità, partecipazione e condivisione: sarebbe davvero la massima esperienza di rinnovamento sociale».
L'inaugurazione della "Casa di Babel", che rimarrà aperta tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 23, è prevista alle ore 17 di venerdì 19 aprile, una grande libreria temporanea aperta tutto il giorno a cura dei librai di Aosta con uno "Spazio assaggi" destinato agli autori locali e alle degustazioni, e lo "Spazio autori" dove sono previsti gli incontri del festival. Il primo appuntamento della rassegna è, alle ore 17.30, con la giornalista Antonella Boralevi, che racconta il suo libro "I baci di una notte". Alle ore 18, il regista Dario Argento, il critico cinematografico Bruno Roberti ed Arnaldo Colasanti dialogheranno sulla tentatazione. A seguire, alle ore 19, il primo degli "Assaggi letterari" con gli autori valdostani vedrà Maria Vassallo ed Enrico Formica che parleranno del loro libro "Sapori, profumi, colori nelle terre del Cervino", con letture di Paola Corti e l'accompagnamento musicale a cura della "Sfom" della "Fondazione Maria Ida Viglino per la cultura musicale".
Il festival, che durerà diciassette giorni, prevede appuntamenti con le scuole al mattino, incontri pomeridiani con gli autori, gli "Assaggi letterari" nel tardo pomeriggio con la presenza di autori locali, attività per bambini e famiglie con "Babel Gamba", proposte legate all'editoria e poi ancora spettacoli e film organizzati nell'ambito della "Saison Culturelle": per quanto riguarda gli autori valdostani parteciperanno anche Alessandro Marchetti, Franco Cuaz, Arianna Colliard, Gianni Nuti, Giuliano Follioley e Giacomo Sado, Maria Grazia Vacchina, Enrico Massetto, Marie Claire Chaberge, Vincenzo Costanza, Laura Pellissier, Sonia Moratto, Claudio Morandini, Maria Adele Sinisi, Simone Torino, Gianluigi De Marchi e Paolo De Martino.
Tra gli appuntamenti di maggiore rilievo, sabato 20 ci sarà Marcello Sorgi, ex direttore della "Stampa" e del "Tg1" con il suo libro "Le sconfitte non contano"; domenica 21, il regista Pupi Avati presenterà la sua autobiografia "La grande invenzione"; giovedì 25 aprile l'attore e sceneggiatore Antonio Manzini racconterà "Pista nera", il suo poliziesco ambientato a Champoluc; venerdì 26 la giornalista e scrittrice Cinzia Tani parlerà del suo ultimo libro "Mia per sempre"; sabato 27 lo scrittore Giuseppe Culicchia presenta "Venere in metrò" ed il costituzionalista Michele Ainis racconta "Privilegium, l'Italia divorata dalle lobby"; lunedì 29 aprile, Catena Fiorello, sorella di Rosario e Beppe, parla del suo libro "Dacci oggi il nostro pane quotidiano"; martedì 30 Lorenzo Amurri, figlio dello scrittore Antonio, tetraplegico dall'età di 26 anni, racconta la sua esperienza in "Apnea"; mercoledì 1° maggio, l'economista statunitense John Perkins racconta, per la prima volta in Italia, il volume "Confessioni di un sicario dell'economia"; venerdì 3 maggio, la giornalista Luisella Costamagna presenta "Noi che costruiamo gli uomini", e domenica 5 maggio, lo scrittore Carmine Abate racconta "La collina del vento" e, in chiusura di festival, il cantautore Enrico Ruggeri presenta il suo ultimo romanzo "Non si può morire la notte di Natale": «gli intellettuali, gli artisti e gli scrittori - evidenzia il presidente della Regione, Augusto Rollandin, assessore regionale ad interim all'istruzione e cultura - racconteranno la loro tentazione, quello che potrebbe essere un punto di crisi spirituale, la tentazione in quanto errore o caduta, lungo una via o, invece, un'esperienza positiva ed avvincente, per esempio, la tentazione come cambiamento, avventura e disponibilità al divenire. Desideriamo quindi, attraverso questo festival, portare in Valle d'Aosta le diverse voci della cultura e dell'informazione per un dibattito civile ed un'occasione di confronto, augurandoci che "Babel" continui ad essere un grande momento di cittadinanza e di crescita collettiva. Il festival vuole, inoltre, essere elemento ideale di una rete che coinvolga le scuole, le biblioteche ed i soggetti culturali sul territorio e, naturalmente, anche i lettori valdostani. In fondo, "Babel" è la nostra grande tentazione, quella di continuare a programmare cultura per crescere insieme».
Il programma dettagliato del festival è disponibile sul sito internet della Regione e sull’applicazione per smartphone "VdACultura".

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".