A+ A A-

VolterraTeatro: la leggerezza pensosa di Mercuzio per 25 anni di festival.

  • Scritto da Enrico Zoi

Un quarto di secolo per VolterraTeatro-I teatri dell'impossibile, festival internazionale di teatro, musica, danza, poesia, video, arte e cultura: l'edizione 2011 si terrà dal 18 al 31 luglio e sarà la venticinquesima della serie. La direzione artistica è di Armando Punzo.

Città pisana dell'alabastro, centro etrusco e medievale da non perdere, Volterra non è patria di vampiri, come una recente tradizione major-cinematografica vorrebbe farci credere, ma di cultura e di grande teatro: venticinque anni di attività non si festeggiano per caso. I poli d'attrazione di VolterraTeatro 2011 saranno la Piazza e il Carcere, due luoghi simbolo che hanno caratterizzato la storia culturale della città negli ultimi decenni, due palcoscenici ideali.
Dal ricchissimo programma segnaliamo due appuntamenti.
Il primo è il progetto “Per un teatro stabile in carcere”, un'occupazione di teatro, poesia, arte, musica e talenti, una nuova presa della Bastiglia, un ritorno di rivoluzione quindi. Il Carcere diviene sempre più spazio completo di cultura, proiettato verso un futuro da Teatro Stabile (il primo al mondo a sorgere in un carcere): compagnie e artisti che hanno segnato gli ultimi vent'anni della vita teatrale nazionale e internazionale presenteranno i loro lavori all'interno della Casa di Reclusione di Volterra, occupando ogni angolo della Fortezza con delle versioni site specific, a testimonianza della progressiva e fantastica trasformazione che sta interessando il Carcere, sempre più ambiente di arte e cultura.
L'evento di punta del festival, in anteprima nazionale, sarà la presentazione della prima fase del nuovo lavoro della Compagnia della Fortezza, pure diretta da Armando Punzo. Gli attori detenuti della Compagnia sono in scena con lo spettacolo Romeo e Giulietta-Mercuzio non vuole morire, tratto da Romeo e Giulietta di William Shakespeare (dal 28 al 30 luglio, ore 15) e incentrato sulla figura di Mercuzio, il poeta, il disilluso, il sognatore dell’opera del  poeta inglese.
“La Leggerezza! La Leggerezza pensosa! Urla gioioso Mercuzio ferito a morte per le strade della bella Verona – dice il direttore artistico Punzo - Quale augurio migliore da urlare tutti insieme per i 25 anni di VolterraTeatro? Mai come quest'anno il tema del festival si fonde con la nuova produzione della Compagnia della Fortezza. Due identità autonome e ben distinte che uniscono forze e aspirazioni per accogliere gli artisti su un palcoscenico ideale che lega città libera e città reclusa. Il festival rilancia e resiste a un'altra stagione di tagli e limitazioni rendendosi ancora più attento e scrupoloso nelle sue scelte e nella ricerca della sua essenza più profonda. Come tanti Mercuzi che non vogliono morire, 'mossi dal loro ritmo interiore picaresco e avventuroso contrapposto alla pesantezza, all'inerzia e all'opacità del mondo', saranno gli artisti ospiti a questa venticinquesima edizione di VolterraTeatro”.

Organizzazione: Comune di Volterra, Regione Toscana, Provincia di Pisa, Comuni di Pomarance, Castelnuovo Valdicecina, Montecatini Valdicecina, Consorzio Turistico Volterra Valdera Valdicecina, Idealcoop e Nuova Idealcoop Coop. Soc. Onlus, Cassa di Risparmio di Volterra S.p.a., Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra.
Info e programma completo qui.

@il_trillo

per scrivere a iltrillo.eu invia una mail a info@iltrillo.eu o contattaci sui nostri profili "Twitter""Facebook".